x
Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso
No

Novità ed Eventi

ENZO VALENTINUZ: storia e natura, pensieri e racconti.

[Pubblicata: sabato, 05/05/2018]

Il pittore Enzo Valentinuz è cantore della bellezza della natura e della storia del Friuli Venezia Giulia, territorio di confine, incrocio di culture e genti.
Dai canali della laguna di Grado alle doline del Carso, dalla sabbia delle spiagge alle pietre delle trincee della Grande Guerra, dai tramonti sull’estremo lembo di Adriatico alla luce dell’alba sulle cime affacciate sui mondi latino, slavo e germanico.
Il suo sguardo spazia, elabora e concettualizza per proporre, attraverso i suoi lavori, un’originale e contemporanea visione di paesaggi selvaggi e urbani, di rimandi alle vicende della Prima Guerra Mondiale e di narrazione personale di sogni e pensieri.
I suoi graffiti stratificati, realizzati con malte colorate, tecnica antica e complessa, suggeriscono il lento scorrere delle onde e il rincorrersi delle nuvole.
L’incisione della materia crea un’alternanza di colori e strati, poetica e potente.
Le figure rimandano a personaggi onirici e fantastici, protagonisti di un’interiorità sempre in movimento, alla costante ricerca di un pensiero, di una sintesi concettuale, plastica e di armonia della forma.


Pittore del Carso, come spesso viene definito, ha scelto di utilizzare le schegge lapidee, raccolte durante le passeggiate solitarie fra le doline e le pietraie, calde di sole in estate e rosseggianti di sommacco in autunno, quale materia originaria dei suoi dipinti tridimensionali.
Una tecnica, anche in questo caso, rara e personalissima, difficile da comporre e dai risultati espressivi potenti.
I suoi quadri, definiti dalla critica internazionale mosaici contemporanei e polimaterici, sono irripetibili, ogni pietra è unica e compone un insieme non replicabile.
Formano un percorso di arazzi di pietre grigie, lievi e eterei come merletti, di gioiose composizione di scatole di colori, nostalgie di gessetti colorati, accanto al ricordo del dramma degli eventi bellici che in questa terra fece scempio di vite. 


Artista aperto al confronto con il pubblico di appassionati o semplici curiosi, Enzo Valentinuz cura personalmente l’allestimento delle sue mostre fermamente convinto che ogni esposizione vada assaporata nel dettaglio dell’opera e nell’insieme di interazione con gli spazi che la ospitano.
Ecco perché Valentinuz ama cimentarsi con contesti espositivi dai caratteri fortemente definiti e riconoscibili.
Dopo le importanti mostre allestite in musei italiani e europei, in dialogo con i reperti romani del Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, le armi e l’iconografia del Museo della Grande Guerra di Borgo Castello a Gorizia, l’attualità delle sale espositive del Consiglio regionale di Trieste,
recentemente è stato invitato alla 1^ Biennale Internazonale del Mosaico Contemporaneo di Auray in Francia, manifestazione che ha proposto le opere degli artisti più significativi del panorama europeo e mondiale.


In questa esposizione dal titolo “Enzo Valentinuz: storia e natura, pensieri e racconti”  l’artista propone al viaggiatore-turista dell’Isola d’Oro il suo racconto creativo.
Perché vivere la peculiarità di un luogo attraverso i suoi occhi e la sua creatività è un’esperienza unica, un momento prezioso e indimenticabile di una vacanza che offre anche il raro privilegio di entrare nell’anima rivelata di una terra.

Margherita Reguitti

Enzo Valentinuz nasce a Romans d'Isonzo (Gorizia), dove tuttora vive e opera. Il suo percorso artistico si divide in due grandi esperienze lontane fra di loro oltre 30 anni: la prima nella seconda metà degli anni Sessanta; dopo il diploma di Maestro d'Arte in decorazione pittorica all'istituto d'arte di Gorizia, allievo di Cesare Mocchiutti, frequenta l'Accademia di Belle Arti di Venezia, sezione di Pittura, dove ha per maestro Bruno Saetti e l'allora assistente Carmelo Lotti. Nel 1968 c'è la sua prima personale e, di seguito, un'in¬tensa attività di mostre che vicende personali interrompono nel 1973. Per oltre tre decenni l'arte diviene per Valentinuz un interesse coltivato solo in forma passiva, con la lettura, lo studio, le visite a mostre di maestri e colleghi.
La ripresa è del 2004, quando il comune di Romans d'Isonzo gli chiede di aprire uno studio di pittura murale che diventa un luogo aperto al pubblico e ai giovani, dove spiegare e mostrare la nascita di opere d'arte realizzate con l'affresco e il graffito su intonaco. Da allora la sua attività non si ferma più e decine sono le personali e collettive alle quali partecipa in Friuli Venezia Giulia, Veneto, ma anche in Austria, Francia e Slovenia.
ospite di gallerie pubbliche e private, biblioteche, università e gran¬di tenute, che nel tessuto del Collio goriziano offrono luoghi di impatto storico e di forte legame con il territorio.


e mail: enzovalentinuz@libero.it
 tel. +39 3281474727

Hotel Abbazia Via C.Colombo, 12 Grado GO 34073 Italy +39 0431 80038 +39 0431 81722 info@hotel-abbazia.com 00309760312 http://www.hotel-abbazia-grado.com/assets/logo.png